#30Giugno 1849… #Roma #AccaddeOggi, l’ultima #battaglia della #RepubblicaRomana

Nel 1849 sul Gianicolo si combatte l’ultima battaglia della storia della Repubblica Romana. Si contano 3.000 italiani fra morti e feriti e cadono circa 2.000 francesi. Luciano Manara si immola nella difesa di Villa Spada. E’ il triste e sanguinoso epilogo della Repubblica Romana. L’Assemblea Costituente il primo luglio approva il documento con il quale “cessa da una difesa ritenuta impossibile”: è la resa, che viene sancita definitivamente il 2 luglio. Lo stesso giorno Giuseppe Garibaldi, in piazza San Pietro, pronuncia lo storico discorso: “io esco da Roma: chi vuol continuare la guerra contro lo straniero, venga con me … non prometto paghe, non ozi molli. Acqua e pane quando se ne avrà”. Alle 18.00, in piazza San Giovanni, lo attendono circa 4.000 uomini armati, con i quali lascia la città.

Accadde il 30 Giugno

Roma Antica: Si svolgono le Lunia, festività in onore della Dea latina Luna.

1480      Papa Sisto IV della Rovere emana la Bolla “Etsi de cunctarum civitatum” con cui riorganizza l’attività edilizia in Roma.

1643      Vengono avviati i lavori di restauro di San Lorenzo in Lucina. Viene rialzato il tetto e completata la trasformazione delle navate laterali in cappelle.

1818      Viene inaugurata la nuova Fontana del Quirinale, voluta da Papa Pio VII e realizzata dall’architetto Stern.

1912      Si inaugura la Centrale Termoelettrica Montemartini sulla Via Ostiense.

1940      Con una vittoria sul Livorno la Roma gioca l’ultima partita a Campo Testaccio.