#17Febbraio 1600… #Roma #AccaddeOggi, #GiordanoBruno

Nel 1600 Giordano Bruno viene messo al rogo per eresia in Campo de’ Fiori. La sentenza colpisce anche le sue opere: i libri dovevano essere “pubblicamente guasti ed abbrugiati nella Piazza di S. Pietro, e posti nell’Indice dei libri proibiti”. Fino all’ultimo, lungo il percorso verso il patibolo, tentarono di convincere il filosofo “allassare la sua ostinatione”. Nulla da fare: legato nudo ad un palo fu bruciato vivo.

Accadde il 17 Febbraio

Roma Antica: Terminano i Fornacalia, festa dedicata ai forni per cuocere il pane e si festeggiano i Quirinalia, festività dedicata al Dio Quirino.

364        A Dadastana, tra Galazia e Bitinia, muore l’Imperatore Gioviano.

1859      Al Teatro Apollo di Tor di Nona va in scena la prima di “Un ballo in maschera” di Giuseppe Verdi.

1870      In occasione del Concilio Vaticano I, Pio IX inaugura l’ “Esposizione delle opere di ogni arte eseguite pel culto cattolico” nel chiostro della Certosa di Santa Maria degli Angeli.

1899      Un accumulatore esplode su una motrice in sosta a Porta Pia.

1967      In Via Gatteschi, al Quartiere Nomentano, durante una rapina vengono uccisi i fratelli Silvano e Gabriele Menegazzo, rappresentanti di gioielli.